Deformità ortopediche complesse e sostituzioni protesiche innovative

Responsabile Scientifico/Coordinatore: Prof. FALDINI Cesare

Attività scientifica

L’attività di ricerca è orientata, in linea con la lunga tradizione dell’Istituto Ortopedico Rizzoli allo studio delle deformità della colonna vertebrale, dell’anca, del ginocchio della caviglia, del piede e dell’arto superiore inclusa la mano. Lo studio comprende procedure diagnostiche innovative, nuovi metodi di classificazione, criteri di diagnostica precoce e trattamento in età pediatrica, adulta ed anziana, allo scopo di proporre soluzioni chirurgiche ad elevata efficacia ed a ridotta invasività.

1) Lo studio delle deformità vertebrali comprende tecniche innovative di correzione della scoliosi, della cifosi e della spondilolistesi atte a migliorare la correzione tridimensionale della colonna e ridurre l’area di artrodesi; vengono inoltre studiate tecniche chirurgiche ad invasività ridotta per le deformità degenerative della colonna dell’adulto-anziano sia a livello cervicale che a livello toraco-lombare.

2) Lo studio delle deformità dell’anca è focalizzato sulle patologie dell’età pediatriche (displasia congenita, epifisiolisi, osteocondrosi) ed il loro trattamento con interventi a ridotta invasività in grado di ricostruire l’anatomia articolare con un impatto ridotto sull’apparato muscolare. Le deformità dell’anca dell’adulto vengono studiate allo scopo di proporre interventi chirurgici innovativi in grado di risolvere problemi meccanici articolari responsabili della precoce degenerazione artrosica (conflitto femoro acetabolare, lesione del labbro, displasia dell’adulto).

3) Lo studio di soluzioni innovative in ambito protesico dell’anca, che comprendono strategie di protesizzazione nel paziente giovane mediante approcci chirurgici mini invasivi in grado di rispettare l’anatomia; nuovi materiali da impianto con tecnica di stampa 3D con grado di porosità variabile, accoppiamenti ceramici a ridotta usura e nuovi dispositivi che permettono di ridurre l’incisione e l’invasività dell’accesso chirurgico. Vengono inoltre studiati impianti specifici per l’osso osteoporotico e per la revisione protesica in caso di fallimento dell’impianto. Tramite il registro protesico viene studiata la longevità degli impianti.

4) Lo studio delle deformità del ginocchio è focalizzato alla correzione dei difetti assiali semplici (ginocchio varo e valgo), e complessi quali i disallineamenti femoro-rotulei e gli esiti di fratture incluse le perdite di sostanza ossea mediante osteotomie correttive. Vengono studiate tecniche di rigenerazione della cartilagine articolare con metodiche di medicina rigenerativa.

5) Lo studio di soluzioni innovative in ambito protesico del ginocchio comprendono la riduzione dell’invasività dell’approccio chirurgico, l’utilizzo della navigazione chirurgica per aumentare la precisione di impianto soprattutto in caso di deformità complesse, e la chirurgia robotica.

6) Lo studio delle deformità del piede dell’accrescimento (piede torto, piede piatto e piede cavo), ed i loro esiti nell’età adulta ed anziana allo scopo di ottenere percorsi di trattamento paziente specifici volti a ridurre l’invasività dell’atto chirurgico e migliorare il risultato clinico. Sono inoltre oggetto di studio le deformità dell’avampiede quali l’alluce valgo, le dita in griffe, le dita a martello ed il neuroma di Morton. Vengono inoltre studiate tecniche di salvataggio in caso di gravi traumi e fratture a livello della caviglia e del piede.

7) Lo studio delle lesioni della cartilagine articolare della caviglia, che comprendono tecniche di riparazione cartilaginea mediante matrici ingegnerizzate e cellule mesenchimali autologhe.

8) Lo studio di nuove soluzioni in ambito protesico della caviglia che comprendono disegni protesici innovativi a conservazione della geometria ligamentosa allo scopo di ottenere un arco di movimento più ampio, una ridotta invasività chirurgica e si estendono a soluzioni personalizzate, su misura (custom-made) eseguite  a partire da acquisizioni di tomografia computerizzata in 3 dimensioni.

9) Lo studio delle lesioni capsulari della spalla (della cuffia dei rotatori) e degli esiti delle lussazioni mediante

tecniche chirurgiche mini invasive in artroscopia, nonché le tecniche di ricostruzione anatomica in caso di frattura, e le tecniche di sostituzione protesica anatomica ed inversa in caso di artrosi.

10) Lo studio delle patologie della mano di natura congenita, acquisita, o post traumatica. Vengono studiate tecniche a ridotta invasività per il trattamento dell’artrosi della mano.

Settore ERC del gruppo

LS7_1 Medical engineering and technology

LS7_2 Diagnostic tools (e.g. genetic, imaging)

LS7_4 Analgesia and Surgery

PE7_3 Simulation engineering and modelling

Componenti

Alberto Corrado Di Martino

Professore associato

Cesare Faldini

Professore ordinario

Altri componenti

Dr. Digennaro Vitantonio (Dirigente Medico)

Dr. Stefanini Niccolò (Medico Specializzando)

Dr. Geraci Giuseppe (Medico Specializzando)

Dr. Panciera Alessandro (Medico Specializzando)

Dr. Tassinari Leonardo (Medico Specializzando)

Dr. Fiore Michele (Medico Specializzando)

Dr. Pasini Stefano (Medico Specializzando)

Dr.ssa Barile Francesca (Medico Specializzando)

Dr. Paolo Mora (Tecnico, Funzione Specialistica Supporto Ricerca e Didattica)

Dr. Alberto Ferruzzi (Dirigente Medico)

Dr. Gianluca Grandi (Dirigente Medico)

Dr. Federico Pilla (Dirigente Medico)

Dr. Alberto Ruffilli (Dirigente Medico)

Dr.ssa Francesca Vannini (Dirigente Medico)

Dr. Ettore Verni (Dirigente Medico)

Dr.ssa Laura Ramponi (Dirigente Medico)

Dr. Antonio Mazzotti (Dirigente Medico)

Note

Progetti di Ricerca finanziati

Progetto BONE ++ - Rif. Avviso MIUR n. 1735 del 13 luglio 2017

Intensa attività di cinematografia scientifica: 25 cinematografie accettate all’American Academy of Orthopaedic Surgeons ( tra le più prestigiose società mondiali di Ricerca e Clinica nel campo dell’Ortopedia) in qualità di “multimedia educational video”. Tutti i video prodotti sono stati inserirti a scopo didattico nella “biblioteca permanente multimediale” dell’American Academy e dodici di questi sono stati premiati come “Award-winning multimedia”.

Collaborazioni

Università e Centri di Ricerca

- Prof. Luca Cristofolini, Dipartimento Ingegneria Industriale (DIN) Università di Bologna

- Prof. Paolo Bonaldo, Dipartimento di Medicina Molecolare Università di Padova (progetto PRIN finanziato dal MIUR.)

- Prof. Rocco Papalia, UOC di Ortopedia e Traumatologia Università Campus Bio-Medico, Roma

- Prof. Lisa Berti, Medicina Fisica e Riabilitativa, Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie, Università di Bologna

- Ing. Alberto Leardini, Direttore f.f. Laboratorio di Analisi del movimento e valutazione funzionale-clinica protesi, Istituto Ortopedico Rizzoli, Bologna.

Industria

K2M Group Holdings, Inc. Leesburg, Virginia, Stati Uniti

Medtronic, Minneapolis, Minnesota, Stati Uniti

Medacta International SA, Castel San Pietro, Svizzera

Lima Corporate, Villanova di San Daniele del Friuli, Italia

Smith & Nephew, Londra, Regno Unito

Exactech, Inc, Florida, Stati Uniti

Stryker Corporation, Michigan, Stati Uniti

Adler Ortho, Milano, Italia

Torna su